Classic cars & art

"Un automobile da corsa col suo cofano adorno di grossi tubi simili a serpenti dall'alito esplosivo… un automobile ruggente, che sembra correre sulla mitraglia, è più bello della Vittoria di Samotracia."

Tag: Saab 900

Born to run

ImageBorn to run…

Saab 900 Cabriolet Montecarlo, Paul Signac “Saint Tropez, Tartanes Pavoiseés”

image

image

The convertible is born well before the car: from the Hittite chariots to the coaches of the nineteenth century, when the weather permits, closed transportation are confined only to long trips.
Since then much has changed, but summers are still the reign of convertible cars, whose raison d’être is not so much displaying performances, but the promenades en souplesse in the good season.
At the same time, Paul Signac finds the focal point of his art under the sun of Saint Tropez. Far from the fashionable resort that we all know, in the late nineteenth century, Saint Tropez is still a fishing village surrounded by green hills and a sea that’s its only reason.
Saab cars has never been voted to mincing and fashions, even though inevitably this has made it a niche manufacturer; every new Saab born has focused mainly on a rich background of innovations both technical and in the field of security, giving us always special models created not to please everyone.
Saab cars are solid, practical, sporting enough, safe and quite reliable. But, unless you are a fighter pilot who loves turbochargers or a supporters of social democracy obsessed with security, why choose them? They were not even fashionable, and this is not a minor particular.
The 99, which precedes the 900, is a beautiful car designed by Sixten Sason in 1968, which already possesses the aesthetic codes that will make the 900 a worldwide success, but despite remaining in production for 19 years fails to make Saab a serious competitor in its segment.
It will take Sason’s assistant, Björn Envall, in 1978, to change the short proportions of the 99, giving them the long impulse that will make the Saab famous also in the difficult American market, moreover in the premium segment, until then alien to her.
If “91” is a fighter jet, “92” is the first Saab, for the newborn it’s choosen name that has in itself a heavy legacy, but which designates a car with a full range that will become, with its undoubted qualities both aesthetic and dynamic, not to mention the passive safety (usual strong point) the first true worldwide success of the Saab.
The 900, especially the coupé, is a practical car which the turbocharger gives an unprecedented sporting verve, an object outside the fashions (here is its vocation) without being trivial, it’s luxurious without frills, and is finally seen as a direct rival of Mercedes, BMW, Audi, which although more expensive, suddenly become oldish, unimaginative, ordinary.
In 1987 is born the latest evolution: the Cabriolet, which in fact is designed to be a small series for the American market; the 900 is already old, a Convertible is the very first attempt at Saab in a struggled field, and the price is higher than other versions, placing it completely in the premium segment, crowded with formidable rivals like Mercedes, BMW and even though it is more expensive (but also far more unreliable, especially the 12-cylinder) Jaguar.
Nevertheless, with a new frontal end it will be a success.
The reasons are divided equally between an excellent dynamic behavior and a new line that, twenty-five years later, has not yet aged.
The 900 has only a four cylinder of 1985 cc, but thanks to the turbocharger can provide 175 horsepower and 200 km/h.
The delivery, as in all first turbocharged cars, is not gradual, but involves the car from a certain rpm on, ensuring a good shot but above all, a unique effect.
The technical solutions are refined, for example a pressure control (APC) that causes the motor to work at the limits of knocking, without trespassing, with a long series of positive effects on power, fuel consumption and flexibility.
Especially, in the late ’80s, is a fashionable car. Along with its sister coupé is the credible alternative to the monotony that sees a car for five people (the convertible is however approved only for four) as an assemblage of three boxes, a car that is finally at ease on the promenades of California as in the Sweden ices, fitted with form and content and, last but not least, a convertible for all seasons, rationally constructed to enjoy the summer sun without fear of the winter snow.
Needless to dwell on safety: is enough to mention the absence of rollbar, because the windshield frame is sufficient to support, in case of rollover, the car.
The line is a clear statement, made to be much loved or hated.
A curious hybrid hatchback never seen before (the line remains the same even in the five-door, to “normalize” only on the Sedan) with an aerodynamic frontal after all traditional, with a not too pushy Saab grille with rectangular headlights, that becomes a slanted rear which makes the car a perfect wedge, softened by the small rear wing, of dubious function but useful to link harmoniously volumes. It is an elegant car with long lines and flat decided surfaces, a design in his way perfect that will last during years and that new models, while resuming it, won’t overcome.
It’s offered as an option a bodykit whose name, Aero, betrays the glorious aeronautical origins of Saab.
In short, another perfect car, comparable if we want to the Citroen SM for the innovative line, almost spatial (less self-referential here) however this one born at the right moment, in those glossy 80’s in which it will become a true cult.
If the 900 (also offered in a warm yellow which, in its strangeness, will consecrate it definitely) not only hisses on the most beautiful promenades of the world, Paul Signac finds its serenity in Saint Tropez, where its artistic talent will explode in all its coloristic power.
In this place still quite lonely, made of sea, sun and of a nature always beautiful and harmonious, the artist gives free rein to his creative capacity, creating works that are almost parallel worlds made of light and color, in which forms are broken in a kaleidoscope of pure beauty that gives us, finally, the joy of life.
“Tartanes Pavoisées”, without secondary implications, entrusts its message to an explosion of bright and warm colors that in this sense finds a parallelism (underlined by the same author) with the music: the creative foundation of the work lies entirely in what appears to us, not asking to be understood but simply admired, content to return the joy felt by the artist in observing the scene and in representing it.
Signac, a master of Post-Impressionism, will be for a lifetime engaged in works of the Pointillist current whose concept is to return the vibrancy of natural colors through the combination of touches of pure color, often contrasting, which recreate the subject as an alternation of different lights, convinced that the revolution of figurative art passes through a change of perception: the colors are not mixed on the palette of the painter, but rather are scomposed directly onto the canvas, leaving directly to the observer’s eye the task of recreating the scene.
The natural light of which its paintings are flooded is the catalyst for this visive transformation.
In some of his works, however, the coloristic harmony is vehicle of an identical social message, reflecting his socialist and pacifist positions, severely tested by the outbreak of the First World War.
Signac’s works invite us to open our eyes to the beauty, pure and stand-alone, of the world around us, to enjoy the natural reality permeated by feelings, allowing ourselves to be enveloped by the light and color in a perceptive trip aimed at enlarge the boundaries of our knowledge, calling us to reconsider the reality through a new filter, that of visual serenity.

The Saab 900 has been produced in 908.917 specimens, of which 48.888 are convertibles.
“Tartanes Pavoisées”, oil on canvas, 1893, 56×46,5 cm, now in the Musee Marmottan in Paris.

***

La cabriolet nasce ben prima dell’automobile: dai carri ittiti alle carrozze ottocentesche, quando il tempo lo permette, i mezzi di trasporto chiusi vengono relegati soltanto ai viaggi lunghi.
Molto è cambiato da allora, ma le estati sono ancora il regno delle convertibili, automobili la cui raison d’être non è tanto lo sfoggio di prestazioni, quanto le passeggiate in souplesse nella bella stagione.
Parallelamente, Paul Signac trova il punto focale della propria arte sotto il sole di Saint Tropez. Lontano dall’essere la località alla moda che tutti conosciamo, alla fine del XIX secolo Saint Tropez è ancora un paesino di pescatori circondato dal verde delle colline e da un mare che ne è anche l’unica ragione.
Le Saab non sono mai state automobili votate al lezioso ed alle mode, anche se questo ne ha fatto inevitabilmente un costruttore di nicchia; ogni nuova Saab nata ha puntato soprattutto su un ricco bagaglio di innovazioni tecniche e nel campo della sicurezza, dando vita a modelli sempre particolari creati per non piacere a tutti.
Saab produce auto solide, pratiche, sportive quanto basta, sicure e piuttosto affidabili. Ma, a meno di essere piloti di caccia amanti dei turbocompressori o sostenitori della socialdemocrazia ossessionati dalla sicurezza, perché sceglierle? Non sono neanche di moda, e questo non è un particolare da poco.
La 99, che precede la 900, è una bella auto disegnata da Sixten Sason nel 1968, che ha già in sé i codici estetici che renderanno la 900 un successo planetario, ma che pur restando in produzione 19 anni non riesce a rendere la Saab un serio competitor nel suo segmento.
Ci vorrà l’assistente di Sason, Björn Envall, nel 1978, a cambiare le brevi proporzioni della 99 dando loro il lungo slancio che renderà celebre la Saab anche nell’ostico territorio americano, peraltro nel segmento premium, fino ad allora a lei alieno.
Se “91” è un aereo da caccia, “92” è la prima Saab, per l’ultima nata si sceglie un nome che ha in sé un’eredità pesante, ma che designa un’auto dalla gamma completa che diventerà, con le sue indubbie qualità sia estetiche che dinamiche, senza dimenticare la sicurezza passiva (solito punto forte) il primo vero successo mondiale della Saab.
La 900, soprattutto la coupé, è un’auto pratica cui il turbocompressore dona un’inedita verve sportiva, un oggetto al di fuori delle mode (ecco la sua vocazione) senza essere banale, è lussuosa senza fronzoli, e si pone finalmente come rivale diretta di Mercedes, BMW, Audi, che pur più costose, improvvisamente diventano vecchiotte, prive di fantasia, ordinarie.
Nel 1987 nasce l’ultima evoluzione: la Cabriolet, che in realtà nasce per essere una piccola serie per il mercato americano; la 900 è già vecchia, una Convertibile rappresenta il primissimo tentativo di Saab in un settore combattuto, ed il prezzo è più alto delle altre versioni, posizionandola completamente nel segmento Premium, affollato di rivali temibili come Mercedes, BMW ed addirittura, anche se è più costosa (ma anche ben più inaffidabile, specie la 12 cilindri) Jaguar.
Eppure, con un nuovo frontale, sarà un successo.
Le ragioni si dividono equamente fra un ottimo comportamento dinamico ed una linea nuovissima che, venticinque anni dopo, ancora non è invecchiata.
La 900 ha solo un quattro cilindri da 1985 cc, eppure grazie al turbocompressore riesce a garantire 175 CV e 200 km/h.
L’erogazione, come in tutte le prime auto dotate di turbocompressore, non è graduale, ma investe l’auto da un certo regime di giri in poi, garantendo un’ottima ripresa ma soprattutto, un effetto inconfondibile.
Le soluzioni tecniche sono raffinate, basti citare un sistema di controllo della pressione (APC) che porta il motore a lavorare ai limiti del battito in testa, senza però mai sconfinarvi, con una lunga serie di ripercussioni positive su potenza, consumi ed elasticità.
Soprattutto, sul finire degli anni ’80, è un’auto di moda. Insieme alla sorella coupé rappresenta l’alternativa credibile alla monotonia che vede un’automobile per cinque persone (la cabriolet è comunque omologata solo per quattro) come un assemblaggio di tre scatole, un’auto che è finalmente a suo agio sui lungomare della California come fra i ghiacci svedesi, dotata di forma e contenuto e, non ultimo, una cabriolet per tutte le stagioni, costruita razionalmente per godersi il sole estivo senza temere la neve invernale.
Inutile dilungarsi sulla sicurezza, basti citare l’assenza di rollbar, perché è sufficiente la cornice del parabrezza a sostenere, in caso di ribaltamento, la vettura.
La linea è un’affermazione netta, fatta per piacere moltissimo o essere odiata. Un curioso ibrido hatchback mai visto prima (la linea resta identica anche nella versione cinque porte, per “normalizzarsi” solo sulla Sedan) con un frontale aereodinamico tutto sommato classico, con la mascherina Saab non troppo invadente e fari rettangolari, che si trasforma però in un posteriore spiovente che rende l’auto un cuneo perfetto, ingentilito dal piccolo alettone posteriore, dalla dubbia funzione ma utile a raccordare armonicamente i volumi. È un’auto elegante dalle lunghe linee e dalle superfici piatte e decise, un design a suo modo perfetto che durerà negli anni e che i nuovi modelli, pur riprendendolo, non riusciranno a superare.
Viene offerto come optional anche un kit per la carrozzeria il cui nome, Aero, tradisce le gloriose origini aeronautiche della Saab.
Insomma un’altra auto perfetta, paragonabile se vogliamo alla Citroën SM per l’innovatività quasi spaziale della linea (qui meno autoreferenziale) nata però questa al momento giusto, in quei patinati anni ’80 in cui diventerà un vero cult.
Se la 900 (offerta poi in un caldo giallo che, nella sua stranezza, la consacrerà definitivamente) sibila non solo sui lungomari più belli del mondo, Paul Signac trova la propria serenità a Saint Tropez, luogo in cui la sua vena artistica esploderà in tutta la sua coloristica potenza.
In questo luogo ancora abbastanza solitario, fatto di mare, sole e di una natura sempre bellissima ed armoniosa l’artista dà libero sfogo alla propria capacità creatrice, realizzando opere che sono quasi mondi paralleli fatti di luce e colore, in cui le forme si scompongono in un caleidoscopio di pura bellezza che ci restituisce, finalmente, gioia di vivere.
“Tartanes Pavoisées”, privo di secondarie implicazioni, affida il proprio messaggio ad un’esplosione di colori caldi e brillanti che in questo senso trova un parallelismo (sottolineato dallo stesso autore) con la musica: il fondamento creativo dell’opera risiede totalmente in ciò che ci appare, non chiede di essere compresa ma semplicemente ammirata, accontentandosi di restituire la gioia provata dall’artista dell’osservare la scena e nel ritrarla.
Signac, maestro del Postimpressionismo, sarà per tutta la vita impegnato in opere della corrente Pointilliste il cui concetto è restituire il vibrare dei colori in natura attraverso l’accostamento di tocchi di colore puro, solitamente contrastanti, che ricreino il soggetto come un alternarsi di luci diverse, convinto che la rivoluzione dell’arte figurativa passi attraverso un cambiamento percettivo: i colori non più si mescolano sulla tavolozza del pittore, ma anzi si scompongono direttamente sulla tela, demandando direttamente all’occhio dell’osservatore il compito di ricreare la scena.
La luce naturale di cui i suoi quadri sono inondati è il catalizzatore di questa trasformazione visiva.
In alcune sue opere, comunque, l’armonia coloristica è veicolo di un identico messaggio sociale, specchio delle sue posizioni socialiste e pacifiste, duramente messe alla prova dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale.
Le opere di Signac ci invitano ad aprire gli occhi sulla bellezza, pura ed a sé stante, del mondo che ci circonda, a godere della realtà naturale lasciandoci permeare dalle sensazioni, lasciandoci avvolgere dalla luce e dal colore in un viaggio percettivo volto ad allargare i confini della nostra conoscenza, chiamandoci a riconsiderare la realtà attraverso un filtro nuovo, quello della serenità visiva.

La Saab 900 è stata prodotta in 908,917 esemplari, di cui 48,888 cabriolet.
“Tartanes Pavoisées” è un olio su tela del 1893 di 56×46,5 cm ora al Musée Marmottan di Parigi.