Classic cars & art

"Un automobile da corsa col suo cofano adorno di grossi tubi simili a serpenti dall'alito esplosivo… un automobile ruggente, che sembra correre sulla mitraglia, è più bello della Vittoria di Samotracia."

Tag: Jaguar

Polka dots

Jaguar D-Type, 1955

Yayoi Kusama “Dots Obsession”, 2000

 

Body and soul

Tiziano “Venere di Urbino” 1538

Jaguar XJ13 1966

Jaguar E-Type, Francisco Goya “Maya Desnuda”

image

image

Check out the new Facebook Group!

More than the voluptuous curves and the nudity shown without any veil, is the expression of their face the most powerful intermediary of the sensuality of the two unique protagonists of this post.
The Maya Desnuda leaves us no doubt, her direct and penetrating gaze is both an invitation and a challenge, and of course the implicit assertion of her sensuality. Goya did not need to hide the unbridled physicality of his subject with mythological reasons or biblical stories: she’s simply a beautiful woman who invites us to enjoy the beauty of her body.
Body not really perfect, and that does not exhibit neither the marble features of certain ideals models nor the impeccable and cold proportions of many other subjects. We sense it beating however, perceive the blood flowing and a real breath, behind the motionless appearance of the painted color.
This is the spell of a painting: deceive us at least for a while, making real the projections of the artist, who creates characters that we will remember in years feeling to know them personally.
Similarly, the Jaguar E-Type has risen over the years to sports car icon, and so, after countless appearances in films, events, and even comics (of course, “Diabolik”), is very difficult to find someone who does not know.
A sports car, fast enough (240 km/h), of stunning beauty, which reused classical proportions born decades before, fusing them into an harmonious corpus smooth like a river stone, at a price quite acceptable (around 2200 pounds in 1961): this is the recipe that made the E-Type an incredible success.
After 13 years of life of the beautiful XK series, they needed something that would stylistically depart, creating an accessible dream that could compete with the most noble GranTurismo of the time, Ferrari, Maserati, Aston Martin: and then here is the smooth and polished body of the E, whose proportions follow and yet revolutionize the classical structure of a sports car.
Kilometric hood and interior reduced to minimum terms, which ends by merging into a pointed and thin tail structure on which stands out the dry, muscular rear fender; so you could synthesize the E-type, whose first series is so successful to oblige even Enzo Ferrari to define it “the most beautiful car ever built”.
The compositive elegance of the Jaguar, however, comes from a stylistic imbalance: almost inconceivable, except in certain ’30s creations (already used as models for the XK120) such a difference in proportions between hood and cabin, highlighted by the reduced height of the car.
The stylistic ancestor of the E-type is the D-type, a pure racing car produced in nearly fifty specimens that exhibited, in addition to the striking rear stabilizer fin, also soft and curve lines similar to that of the E-type.
The D-type, however, give birth also to the splendid XKSS, sports car adapted to the road that will be chosen, among others, by Steve McQueen.
There will be three series of the E-type, of which the most beautiful is undoubtedly the first; as often happens, is the most uncomfortable and least suited to everyday life, but the purity of its lines is undeniable.
The adoption of Plexiglas covers on the headlights, its unique feature (will be removed in two subsequent series), only increases the aereodynamics effect of the car (which actually in the wind tunnel proved to be less efficient than a Renault R4).
Car notoriously difficult to drive, especially on wet, the E-type manages to find, in his 14 years of life, an important place also in competitions, thanks to Lightweight (12 units, aluminum body, 350 hp) and Low Drag versions(2 examples, 975 kg, 270 km/h, one of which, called “Lindner-Nocker” from the names of the pilots who took it in race, suffered a serious accident in 1964 that killed, beyond the same Lindner, four other people; has been rebuilt in time for the 2011 celebrations for the fiftieth anniversary of model, with a significant effort to salvage the original parts).
The E-type second and third series shows a less pure design, with added chrome and, above all, in 1971, a new V12 engine.
Will be replaced by the XJ-S, which will fail to arouse the unanimous approval of the E-type, but will remain in production for 21 years.
La Maya Desnuda was commissioned to Goya between 1790 and 1800, probably by the Spanish politician Manuel Godoy; some interpretations suggested it represented the intrepid Duchess of Alba, historical lover of the painter, but appear unfounded.
More likely the subject is the lover of the same Godoy, portrayed by the Spanish master in two versions created to superimpose: the version vestida, more decent, more quiet, was the one to exhibit every day, but at the right time would have left to admire the desnuda, the image of disturbing sensuality clearly direct to delight the eye of the owner and of a few other elected.
It’s a woman of minute but extremely harmonic proportions, whose body designed by sensual and rich curves howewer lacks of the natural elegance of certain other representations (Titian, Velázquez). Is the beautiful subject of the picture of a great artist, of course, and then an undeniable aesthetic model, and yet, to its accessible nature, just like the E-type, owes the loss of the status of dream, which necessarily involves the unreachability.
However, despite this little stain, the Maya Desnuda is a beautiful painting, where the strict technical skill of who painted the unmade bed linen and the lace of the pillows doesn’t add unnatural harshness, a painting in which just the expression of the face alone, direct and sly, succeeded in crossing the limits of the mere decorative representation, giving a deeper meaning to what would otherwise be only the whim of a rich collector, and giving the Maya a role that makes her innovative, since she needs no justifications for her sensuality.

The Jaguar E-Type has been produced in nearly 70,000 exemplars from 1961 to 1975, included the spider version.
“La Maya Desnuda”, 1790/1800, oil on canvas, is now at the Museo del Prado, Madrid.

***

Più che le curve voluttuose e la nudità esibita senza alcun velo, è l’espressione del volto il più potente tramite della sensualità delle due inconfondibili protagoniste di questo post.
La Maya Desnuda non ci lascia alcun dubbio, il suo sguardo diretto e penetrante è insieme un invito ed una sfida, ed ovviamente l’implicita affermazione della propria sensualità. Goya non ha bisogno di nascondere la prorompente fisicità del suo soggetto con motivazioni mitologiche o storie bibliche: è semplicemente una bella donna che ci invita a godere della bellezza del suo corpo.
Corpo in realtà non perfetto, e che non esibisce né le marmoree fattezze di certi modelli ideali né le impeccabili e gelide proporzioni di molti altri soggetti. Lo intuiamo invece pulsare, percepiamo il sangue scorrere ed un reale respiro, dietro l’apparenza immobile del colore dipinto.
Questo l’incantesimo di un quadro: ingannarci almeno per un istante, rendere reali le proiezioni dell’artista, che crea personaggi che ricorderemo negli anni sentendo di conoscerli personalmente.
Ugualmente, la Jaguar E-Type è negli anni assurta ad icona dell’auto sportiva, tanto che dopo innumerevoli apparizioni in film, eventi, e perfino fumetti (ovviamente, “Diabolik”), è ben difficile trovare qualcuno che non la conosca.
Un’auto sportiva, veloce quanto basta (240 km/h), di una bellezza sconvolgente, che riutilizzava classiche proporzioni nate decenni prima, fondendole in un corpus armonico e levigato come un sasso di fiume, ad un prezzo tutto sommato accettabile (intorno alle 2200 sterline nel 1961): questa la ricetta che ha fatto della E-Type un successo incredibile.
Dopo 13 anni di vita della bellissima serie XK, serviva qualcosa che se ne allontanasse stilisticamente, creando un sogno accessibile che potesse competere con le più blasonate GranTurismo in vendita all’epoca, Ferrari, Maserati, Aston Martin: ed allora ecco il corpo liscio e levigato della E, le cui proporzioni seguono e tuttavia rivoluzionano l’impianto classico dell’auto sportiva.
Cofano chilometrico ed abitacolo ridotto ai minimi termini, che termina fondendosi in una coda appuntita e sottile sulla quale spicca la struttura secca e muscolosa del parafango posteriore; si potrebbe sintetizzare così la E-type, la cui prima serie è talmente riuscita da obbligare perfino Enzo Ferrari a definirla “l’automobile più bella mai costruita”.
L’eleganza compositiva della Jaguar deriva tuttavia da uno squilibrio stilistico: quasi inconcepibile, se non in certe creazioni anni ’30 (già prese a modello per la XK120) una simile differenza di proporzioni fra cofano ed abitacolo, enfatizzata dalla ridotta altezza dell’automobile.
La progenitrice stilistica della E-type è la D-type, un’auto strettamente da corsa prodotta in una cinquantina di esemplari che esibiva, oltre alla vistosa pinna stabilizzatrice posteriore, anche linee morbide e curve come la E-type.
La D-type darà peraltro i natali anche alla splendida XKSS, auto sportiva adattata alla strada che verrà scelta, fra gli altri, da Steve Mc Queen.
Nascono tre serie della E-type, delle quali la più bella è indiscutibilmente la prima; come spesso avviene, è la più scomoda e la meno adatta alla vita di ogni giorno, ma la purezza delle sue linee è innegabile. L’adozione di carene di plexiglas sui fari anteriori, sua caratteristica esclusiva (verranno infatti eliminate nelle due serie successive), non fa che accrescere l’effetto di aereodinamicità dell’auto (che in realtà in galleria del vento si dimostra meno efficace di una Renault R4).
Auto notoriamente non facile da guidare, specialmente sul bagnato, la E-type riesce a ritagliarsi, nei suoi 14 anni di vita, un posto di rilievo anche nelle competizioni, grazie soprattutto alle versioni Lightweight (12 esemplari, carrozzeria in alluminio, 350 CV) e Low Drag (2 esemplari, 975 kg, 270 Km/h, uno dei quali, detto “Lindner-Nocker” dai nomi dei piloti che la portarono in gara, soffrì un grave incidente nel 1964 in cui persero la vita oltre allo stesso Lindner, altre quattro persone; è stata ricostruita in tempo per i festeggiamenti del 2011 per i cinquant’anni del modello, con un importante lavoro di recupero delle parti originali).
La E-type seconda e terza serie mostrano un design meno puro, con aggiunta di cromature e soprattutto, nel 1971, di un nuovo motore V12.
Verrà sostituita dalla XJ-S, che non riuscirà a suscitare gli unanimi consensi della E-type, ma resterà comunque in produzione per 21 anni.
La Maya Desnuda viene commissionata a Goya fra il 1790 e il 1800 probabilmente dal politico spagnolo Manuel Godoy; alcune interpretazioni suggerivano rappresentasse la intrepida Duchessa d’Alba, storica amante del pittore, ma appaiono prive di fondamento. Più probabilmente il soggetto è l’amante dello stesso Godoy, ritratta dal maestro spagnolo in una doppia versione nata per sovrapporsi: la versione vestida, più decente, più tranquilla, era quella da esporre ogni giorno, ma al momento opportuno avrebbe lasciato ammirare la desnuda, immagine di conturbante sensualità diretta evidentemente  a deliziare l’occhio del proprietario e di pochi altri eletti.
E’ una donna di proporzioni minute ma estremamente armoniche, il cui corpo disegnato da curve sensuali e ricche è privo però della naturale eleganza di certe altre rappresentazioni (Tiziano, Velázquez). E’ il bellissimo soggetto del quadro di un grande artista, certo, quindi un modello estetico indiscutibile, e tuttavia, proprio alla sua natura accessibile, tangibile, reale, esattamente come la E-type, deve la perdita dello status di sogno, che implica necessariamente l’inarrivabilità.
Tuttavia, nonostante questa macchia sottile, la Maya Desnuda è un quadro bellissimo, cui la ferrea perizia tecnica di chi ha dipinto le lenzuola sfatte ed i pizzi dei cuscini non aggiunge alcuna durezza innaturale, un quadro in cui da sola l’espressione del volto, diretta e sorniona, riesce a far attraversare i limiti della mera rappresentazione decorativa, dando un senso più profondo a quello che sarebbe altrimenti soltanto il capriccio di un ricco collezionista, e dando alla Maya un ruolo che la rende innovativa, in quanto priva di ogni bisogno di giustificazione per la propria sensualità.

La Jaguar E-type è stata prodotta in circa 70,000 esemplari dal 1961 al 1975, inclusa la versione spider.
“La Maya Desnuda”, 1790/1800, olio su tela, è ora al Museo del Prado, Madrid.