Lancia Florida I, Policleto “Doryphoros”

by Mrs Miura

To enjoy the eccentricity one must know the classic bases that it rejects.
The automobile history is full of challenges to the conventions, of oddities and aesthetic experiments more or less successful, just as art history, yet few have the serious elegance of the Lancia Florida.
Magistral epitome of the classical form of the sedan, the Lancia Florida is the progenitor of a whole segment of cars that, if it already existed well before its birth, was revolutionized by the innovative treatment of forms and volumes which marks Pininfarina’s creation.
In parallel, the Doryphoros by Polykleitos encodes a representative canon which any sculpture, even the most modern avant-garde creations, can no longer ignore; like the Florida, whose fluid volumes suggest movement even when still, so you can see in the position of the Doryphoros the muscular tension even while the subject is perfectly still.
Far from the solemn representations that have preceded it, the Doryphoros (lance-bearer) is caught in a moment of unstable impasse preceded and followed by a slow advance, in which the body draws a serpentine by the sweeping curves where tension and relaxation harmoniously alternate.
The Florida is Lancia’s last attempt to survive the deep crisis that afflicted her at time: after the Aurelia and the Appia, both good cars that however failed to ensure Lancia adequate sales volumes, they needed a model that in addition to prestige would ensure economic success, and so was commissioned Pininfarina, sculptor of cars renowned for the formal rigor and the clean lines, to draw a new sedan.
The result is, as well as amazingly beautiful, deeply innovative.
Car by large and minimalist volumes, yet not bare, the Lancia Florida will be made in three prototypes, two and four doors, which will lead to the birth of the famous Flaminia, which will draw on almost entirely the styling, successing in the difficult task of revive Lancia’s economic fate.
Hits the disappearance of the typical Lancia shield: the front is now characterized by a large horizontal grille, which in this prototype incorporates two of the four round headlights, bigger of the two built on top of the fenders; it results a vaguely American look enhanced backward by the frame of the panoramic windshield (and the citations continue in rear, with the two pillars that stretch until they merge with the tail lights in form of small “fins”), quite similar in the frontal to the first series of the Ford Thunderbird.
But is above all the side view and the back that emphasizes the cleaning of lines that will make great the Flaminia: surfaces are smooth and austere, crossed by a single edge that emphasizes the game of light and shade that lightens the side.
Even the absence of the central pillar increases the visual impulse of the car, accentuating the brightness of the pavilion (led to the maximum expression by the door opening, which in this version are clearly visible and not hidden in a coupe form as in the Florida II), framed by a chrome strip that softens the rigor and grants at least something to fashion.
The dynamic design of the teardrop fenders certainly helps to reduce the visual weight of the car, but it is especially the choice of a two-tone coloring which makes a large and rather high-sided sedan almost a stretched coupe.
The two distinctly contrasting colors optically divide the car in two segments, making the pavilion light and airy, while underlining the inclination of the rear pillar that moves what would otherwise be only a classic “three boxes” profile, already widely seen.
The main leitmotif of the Florida are flat surfaces: the austerity of the last Lancia creation marks a clear shift away from the soft lines that reign at the time, and which would have been expected after the Aurelia, on whose platform the Florida is developed, which also draws on the engine.
An innovation that will have to wait many years before finding practical application on standard car are the rear bumpers integrated into the tail, which visually enclose the profile of the car by linking up with the lights.
Pininfarina will reproduce several more times, even in less highly placed creations, the building plant of the Florida, trying to repropose in many capacities the dihedral that lightens the side, without ever reaching the crystalline compositive equilibrium of the founder.
A separate discussion would merit the Florida II, substantially similar in the design to the I, yet which stands out distinctly for the solution of the invisible rear doors (which will be reused much in modern times), for the absence of sharp edges in the side, for a different tail design and especially for the monochrome painting that makes her to all intents and purposes a sporty coupe which one can not underestimate the importance of innovation.
From the Florida II will, predictably, come the Flaminia Coupé.
As often happens in the panorama of ancient art, the Doryphoros arrived to us is a Roman marble copy from the original, that was probably a bronze modeled with even greater skill of his stone alter ego; is created in 440 BC, and represents the summa and the overcoming of all the previous achievements in sculpture.
Subject is not the muscular lance-bearer, but the ideal perfection, an abstraction which Polykleitos had the illusion of having deeply penetrated the proportional secrets, assigning proof of the effectiveness of his speculations to a tangible result that shows better than any text the application of the theoretical thinking of the artist.
The young man with wavy hair and serious eyes is a sharp break with much of the sculptural tradition that preceded it: it entrustes his regalness only to physical perfection, while remaining a realistic representation (although too perfect) of the extreme beauty inherent in the work of Nature, which does not need frills or too symbolic unnatural positions to convey its visual message.
Much of the sculpture of the previous centuries defines the importance of its subject and its social status through a representation often disconnected from reality and only adherent to the style of the time, spokesman of a solemn symbolism whose ultimate aim is the representation not of a man but of what he is in society, logical are then very static positions and the idealization of the facial features.
The Doryphoros instead is the application of the theory of Polykleitos’s “chiasm”: the construction of the figure follows an alternation of contraction and muscular relaxation that generates the impression of movement in progress.
If the Lancia Florida marks a clear breaking point with the creative tradition of the sedans that preceded it, so Polykleitos, so Polykleitos, through its rigorous studies on the proportions of the bodies (which also generates a treaty, the “Canon”) arrives at a result of natural harmony which is however strictly regulated scientifically in order to achieve the same result of Pininfarina with its elegant sedan: formal perfection.

One of the Lancia Florida will be for many years the personal car of Pininfarina, and is now in the museum of the great coachbuilder in Turin.
The marble Doryphoros is now at National Archaeological Museum of Naples.

***

Per apprezzare l’eccentricità bisogna conoscere la basi classiche che essa rifiuta.
La storia dell’automobile è piena di sfide alle convenzioni, di stranezze e di esperimenti estetici più o meno riusciti, esattamente come la storia dell’arte, eppure pochi hanno la seria eleganza della Lancia Florida.
Magistrale epitome della forma classica della berlina, la Lancia Florida è la capostipite di un intero segmento di automobili che, se esisteva già ben prima della sua nascita, viene rivoluzionato dall’innovativo trattamento di forme e volumi che caratterizza la creazione di Pininfarina.
Parallelamente, il Doriforo di Policleto codifica un canone rappresentativo dal quale nessuna scultura, neanche le più moderne realizzazioni avanguardiste, potrà più prescindere; come la Florida, i cui volumi fluidi suggeriscono movimento anche da ferma, così nella posizione del Doriforo si intravede la tensione muscolare pur essendo il soggetto perfettamente immobile.
Ben lontano dalle ieratiche rappresentazioni che l’hanno preceduto, il Doriforo (portatore di lancia) è colto in un momento di instabile impasse preceduto e seguito da un lento avanzare, in cui il suo corpo disegna una serpentina dalle curve ampie dove tensione e rilassamento si alternano armoniosamente.
La Florida è l’estremo tentativo della Lancia di sopravvivere alla profonda crisi che la affliggeva: dopo Appia ed Aurelia, entrambe ottime automobili che tuttavia non erano riuscite ad assicurare alla Lancia adeguati volumi di vendita, c’era bisogno di un modello che oltre a prestigio garantisse successo economico, e così si incaricò Pininfarina, scultore d’automobili famose per il rigore formale e la pulizia delle linee, di disegnare una nuova berlina.
Il risultato è, oltre che di sconvolgente bellezza, profondamente innovativo.
Auto dai volumi importanti e dalle linee minimaliste tuttavia non scarne, la Lancia Florida verrà realizzata in cinque prototipi, a due e quattro porte, che porteranno infine alla nascita della famosa Flaminia, che ne riprenderà quasi integralmente lo styling, riuscendo infine nel gravoso compito di risollevare le sorti economiche della Lancia.
Colpisce la sparizione del tipico scudo Lancia: il muso è ora caratterizzato da una larga griglia a sviluppo orizzontale, che in questo prototipo ingloba due dei quattro fari rotondi, più grandi dei due incorporati in cima ai parafanghi; ne risulta un aspetto vagamente americano, rafforzato dalla cornice arretrata del parabrezza panoramico (e le citazioni proseguono nel posteriore, con i due montanti posteriori che si allungano fino a fondersi coi fanalini posteriori in guisa di piccole “pinne”), abbastanza simile nel frontale alla prima serie della Ford Thunderbird.
Ma è soprattutto nella vista laterale ed in quella posteriore che si evidenzia la pulizia di linee che farà grande la Flaminia: le superfici sono lisce ed austere, solcate da un unico spigolo che evidenzia il gioco di luce ed ombre che alleggerisce la fiancata. Anche l’assenza del montante centrale aumenta lo slancio visivo dell’auto, accentuando la luminosità del padiglione (portata alla massima espressione dall’apertura “ad armadio” delle portiere, che in questa versione sono ben visibili e non dissimulate in una forma da coupé come nella Florida II), incorniciato da un profilo cromato che ne ingentilisce il rigore e concede almeno qualcosa alla moda dell’epoca.
Il disegno dinamico dei parafanghi a goccia certamente contribuisce a diminuire il peso visivo dell’automobile, ma è soprattutto la scelta di una colorazione in due toni che rende una grande berlina dalla fiancata piuttosto alta quasi una coupé allungata. I due colori nettamente contrastanti dividono otticamente l’auto in due segmenti, rendendo il padiglione leggero ed arioso e contemporaneamente sottolineando l’inclinazione del montante posteriore che movimenta quello che altrimenti sarebbe soltanto il classico profilo “three boxes”, già ampiamente visto.
Leitmotif principale della Florida sono le superfici piatte: l’austerità dell’ultima creazione Lancia segna un netto allontanamento dalle linee morbide che imperano all’epoca, e che sarebbe stato lecito attendersi dopo l’Aurelia, sul cui pianale d’altronde è sviluppata la Florida, che ne riprende anche il motore.
Innovazione che dovrà aspettare molti anni prima di trovare applicazione pratica su un’automobile di serie sono i paraurti posteriori integrati nella coda, che racchiudono visivamente il profilo dell’automobile raccordandosi coi fanalini.
Pininfarina riprodurrà molte altre volte, anche in creazioni meno altolocate, l’impianto costruttivo della Florida, tentando di riproporre in molte vesti il diedro che alleggerisce la fiancata, senza tuttavia mai arrivare al cristallino equilibrio compositivo della capostipite.
Discorso a parte meriterebbe la Florida II, simile come disegno sostanziale alla I, che tuttavia se ne distacca nettamente per via della soluzione delle portiere posteriori invisibili (che tanto verrà riutilizzata in tempi moderni), per l’assenza dello spigolo vivo nella fiancata, per un diverso disegno della coda e soprattutto per la verniciatura monocolore che la rende a tutti gli effetti una coupé sportiva di cui non si può sottovalutare la portata innovatrice.
Dalla Florida II deriverà poi, prevedibilmente, la Flaminia Coupé.
Cosa non rara nel panorama dell’arte antica, il Doriforo a noi giunto è una copia romana in pietra dall’originale, che era invece un bronzo modellato probabilmente con ancora maggior perizia del suo alter ego di marmo; viene creato nel 440 a.C., e rappresenta la summa ed il superamento di tutti i traguardi raggiunti fino a quel momento in scultura.
Soggetto non è il muscoloso ragazzo portatore di lancia, ma la perfezione ideale, un’astrazione di cui Policleto si illuse di aver penetrato a fondo i secreti proporzionali, affidando la prova dell’efficacia delle sue speculazioni al tangibile risultato che manifesta meglio di qualsiasi testo l’applicazione della riflessione teorica dell’artista.
Il giovane dai capelli mossi e lo sguardo serio è una netta frattura con buona parte della tradizione scultorea che l’ha preceduto: affida la propria regalità unicamente alla perfezione fisica, restando comunque una rappresentazione realistica (anche se troppo perfetta) dell’estrema bellezza insita nel lavoro della Natura, che non ha bisogno di orpelli né posizioni innaturali o troppo simboliche per veicolare il proprio messaggio visivo.
Molta della scultura dei secoli precedenti definisce l’importanza del proprio soggetto ed il suo status sociale attraverso una rappresentazione spesso slegata dalla realtà ed unicamente aderente allo stile dell’epoca, portavoce di un solenne simbolismo il cui fine ultimo è la rappresentazione non di un uomo, ma di ciò che egli è nella società; logiche quindi sono posizioni estremamente statiche e l’idealizzazione dei tratti del volto.
Il Doriforo invece è l’applicazione della teoria di Policleto del “chiasma”: la costruzione della figura segue un alternarsi di contrazione e rilassamento muscolare che genera un’impressione di movimento in divenire.
Se la Lancia Florida segna un punto di rottura netto con la tradizione creativa delle berline che l’hanno preceduta, così Policleto, attraverso i suoi studi rigorosi sulle proporzioni dei corpi (che generano anche un trattato, il “Canone”) giunge ad un risultato di naturale armonia, che è tuttavia rigidamente disciplinata scientificamente al fine di raggiungere lo stesso risultato di Pininfarina con la sua berlina elegante: la perfezione formale.

Una delle Lancia Florida sarà per molti anni l’auto personale di Pininfarina, ed è ora conservata nel museo del grande carrozziere a Torino.
Il Doriforo in marmo è ora al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Advertisements