Fiat Nuova 500, Giuseppe Pellizza da Volpedo “Il Quarto Stato”

by Mrs Miura

image

image

Four wheels are better than two.
So we can briefly summarize the philosophy behind the FIAT Nuova 500.
Vespa and Lambretta had given the thrill of motorization to those who until then knew only the wheels of the bicycle, but not always were enough. The families grew, winters and rains came on time, luggage couldn’t be carried… well, a car is another thing.
It was not a new idea, of course, Henry Ford had already thought of a car for the “fourth state” decades ago, and even Adolf Hitler by creating Volkswagen (literally “people’s car”), in Italy there was the Topolino, created by Giacosa, which will create the new 500, even Iso had previously produced the “Isetta”, and finally there were so many microcars, often derived from motorcycle, born abroad (Messerschmitt, Glas etc).
However, the ISO could only carry two people, and on the Beetle and other microcars burdened taxes for the importation from abroad.
There was already the 600, bigger, faster, more “serious”, a resounding success, now they needed something that resembled it, but that would cost even less, something that could motorize workers, young families, young people struggling with the first automobile, ladies.
And farther the economic boom was exploded, and the time had come to buy a car even by installments, allowing everyone to dream of stopping being soaked when it rained, waiting for buses always late, remaining home on Sunday.
The Nuova 500 is slow, noisy, sparse, tight, in its way expensive, is approved only for two, and begins his career as a failure, but will later mean freedom, and a more comfortable and dignified life for millions of people, not only in Italy.
Fifty-five years before it, Giuseppe Pellizza da Volpedo in his most famous painting depicts a group of workers marching for their basic rights, unaware that half a century later to home, education, assistance, will be added “car”.
It may seem bold, but four wheels are a key component of our times, even for those who have not.
Cars provide employment, allow movements you never thought possible, generate dreams, comfort and income. There is a downside, which is pollution (although perhaps the question is a bit different from what is often said…), but if we try to imagine a world where personal transportation is not private we can realize what it meant mass motorization.
Of course, we inevitably have lost a portion of that charm cars, seen as accessories for rich, possessed, small cars were born, humble, sometimes even ugly cars, without swollen wheelarches and radiators as Greek temples, but now, well before society would make other luxuries available to “all”, the car, maybe used, ramshackle and antiquated, has brought freedom a little closer to everyone.
This is the spirit of the Nuova 500.
By approaching the first possession of a car to those who could not dream it has definitely thrown forward, toward modernity, our country, and certainly without it the economic miracle would have been less spectacular.
By approaching the first possession of a car to those who could not dream it has definitely thrown Italy forward, toward modernity, and certainly without it the economic miracle would have been less spectacular.
In fact, the new 500 is a list of missing things, and this decreeds its initial failure.
Too similar the price to that of the 600, too poor the equipment, too few two seats. The FIAT will run for cover after a few months, offering the 500 “Normale” which proposed for the same price a more dignified endowment and refunding those who had purchased the Nuova 500 or adapting it to the specifications of the new model.
However the charm of the first series is unbeatable: in its bare simplicity is the zero point of the car that has motorized even that part of the population who could never get close to buying a new car, and not surprisingly is an icon of Italian spirit in the world.
Difficult to comment on the appearance of a car born only to be practical, but the 500 isn’t without some graceful beauty. Perhaps we are so used to seeing her on the street that we focus no more on her, but if we did we would find a variety of interesting details that make it at least pleasant.
It looks very young (despite a bit sad expression of the snout, due to the round headlights, in the first series embedded directly without borders), and an extended sunroof (an idea probably borrowed from the 2CV), which makes it nearly a convertible. For the rest, is full of economies today hard to imagine: no cups on the wheels, no lights and indicators levers on the steering column, no front direction indicators, no cushioned bench in the rear, the instrument panel has a single circular instrument which encompasses all the little that there is and finally the transmission is not synchronized.
Today makes tenderness to think that millions and millions of families have approached the modernity through the 500, it seems almost incredible that someone has traveled hundreds of thousands of miles, but probably without it modernity in our country would come a little ‘in delay.
“Il Quarto Stato”, by Giuseppe Pellizza da Volpedo, shows precisely what, fifty years later, conquered the fundamental rights of the worker, will be the prime catchment area of the small FIAT.
The walking of the two men and the woman (depicted here in sign of equality) reflects the rise of the lowest social stratum , the proletariat, which finally becomes an entity worthy of respect and rights, and who relies on his protest, here dignified and composed, both the tasks to show its existence and claim more space.
The space is both social and compositive: the whole painting is filled by the moving mass of workers, who advances quiet and compact, leaving three characters, that are clearly the leaders, go ahead, among which stands out a woman, portrayed with the features of the painter’s wife, holding a baby in one arm and with the other making sign to follow her, drawing a draped curve which finds its counterpart in the other woman in the painting, on the far left.
The same Pellizza suggests an interpretative key, which sees the advancing characters as the spokesmen of the movement, marching to plead their cause to the local lord, which is therefore the viewer.
Curiously, in fact, are we who look to embody the recipient of the protest, and then the whole painting assumes the meaning of a request made to us directly from the artist, which makes us not simple observers, but directly involved.
Pellizza da Volpedo’s workers live in an era of great social changes, they actively strive to achieve a standard of living and working that now seems inconceivable not to have, made of basic concepts but not at all discounted for the time, such as the right to strike, to assistance, to more sustainable working conditions.
Decades after the front of the “indispensable” rights moves to include what in 1902 was still a luxury for eccentric rich, a toy less functional than a carriage, but whose ubiquitous disclosure says a lot about the change in the quality of life over the years.
The 500 owes much to the moment immortalized by Pellizza da Volpedo: certainly without the march of the workers of this pointillist painting there would be no place for her in society.

The Fiat 500 was produced in 5,231,518 specimens from 1957 to 1975, including many special versions of various private coachbuilders, plus the evolutions of Multipla and Giardiniera and the transformations by Abarth and Autobianchi.
“Il Quarto Stato”, oil on canvas, 293×545 cm, 1902, now at the Museum of the ‘900, Milan.

***

Quattro ruote sono meglio di due.
Così potremmo riassumere sinteticamente la filosofia alla base della FIAT Nuova 500.
Vespa e Lambretta avevano dato l’ebbrezza della motorizzazione a chi prima di allora conosceva solo le ruote della bicicletta, ma non sempre bastavano. Le famiglie crescevano, gli inverni e le piogge arrivavano puntuali, i bagagli non si potevano trasportare…insomma, un’automobile è un’altra cosa.
Non fu un’idea innovativa, ovviamente, ad un’automobile per il “quarto stato” ci aveva già pensato Henry Ford decenni prima, ed anche Adolf Hitler creando la Volkswagen (letteralmente “auto del popolo”), in Italia c’era stata la Topolino, creata dallo stesso Giacosa che creerà la Nuova 500, a ben guardare la Iso aveva già prodotto la “Isetta”, ed infine c’erano tante microvetture, spesso di derivazione motociclistica, nate all’estero (Messerschmitt, Glas etc).
Però la Iso poteva trasportare soltanto due persone, e sul Maggiolino e sulle altre microvetture gravavano tasse per l’importazione dall’estero.
Già c’era la 600, più grande, più veloce, più “seria”, un successo strepitoso, adesso serviva qualcosa che le somigliasse, ma che costasse ancora meno, qualcosa che potesse motorizzare gli operai, le famiglie giovani, i ragazzi alle prese con la prima automobile, le signore.
E poi il boom economico era esploso, ed i tempi erano maturi per comprare un’automobile perfino a rate, autorizzando tutti a sognare di smettere d’inzupparsi quando pioveva, di aspettare gli autobus sempre in ritardo, di restare a casa la domenica.
La Nuova 500 è lenta, rumorosa, scarna, stretta, a suo modo cara, è omologata solo per due, e comincerà la propria carriera come un insuccesso, ma significherà poi la libertà ed una vita più comoda e dignitosa per milioni di persone, non solo in Italia.
Cinquantacinque anni prima dei lei, Giuseppe Pellizza da Volpedo nel suo quadro più famoso dipinge un gruppo di lavoratori in marcia per i propri diritti fondamentali, ignaro che mezzo secolo dopo a casa, istruzione, assistenza, si aggiungerà “automobile”.
Può sembrare azzardato, ma le quattro ruote sono una componente fondamentale dei nostri tempi, anche per chi non le ha.
Le automobili danno lavoro, permettono spostamenti prima impensabili, generano sogni, comodità e reddito. C’è il rovescio della medaglia, che è l’inquinamento prodotto (anche se forse la questione è un po’ diversa da come viene posta spesso…), ma se proviamo a pensare ad un mondo in cui il trasporto personale privato non esiste possiamo renderci conto di cosa ha significato la motorizzazione di massa.
Certo, si è inevitabilmente persa una quota di quel fascino che l’automobile, intesa come accessorio da ricchi, possedeva, sono nate automobili piccole, modeste, anche bruttine a volte, automobili senza passaruota gonfi e radiatori come templi greci, ma finalmente, ben prima che la società rendesse altri lussi accessibili a “tutti”, l’automobile, magari usata, sgangherata e vecchiotta, ha portato la libertà un po’ più vicina a tutti quanti.
Questo è lo spirito della Nuova 500.
Avvicinando il possesso di un’automobile a chi prima non poteva sognarla ha decisamente proiettato in avanti, verso la modernità, il nostro Paese, e certamente senza di lei il miracolo economico sarebbe stato meno spettacolare.
In realtà, la Nuova 500 è più una lista di cose che mancano, e questo ne decreta l’iniziale insuccesso.
Troppo simile il prezzo a quello della 600, troppo povera la dotazione, troppo pochi due posti. La FIAT correrà ai ripari dopo pochi mesi, offrendo la 500 “Normale” che allo stesso prezzo proponeva una dotazione più dignitosa e rimborsando chi aveva acquistato la Nuova 500 o adeguandola alle specifiche del nuovo modello.
Tuttavia il fascino della prima serie è imbattibile: nella sua scarna semplicità rappresenta il punto zero dell’automobile che ha motorizzato anche quella fascia di popolazione che mai avrebbe potuto avvicinarsi all’acquisto di un’auto nuova, e non a caso è un’icona di italianità nel mondo.
Difficile commentare l’aspetto estetico di un’automobile nata unicamente per essere pratica, eppure la 500 non manca di una sua graziosa bellezza. Probabilmente siamo talmente abituati a vederla per strada da non soffermarci più a guardarla, ma se lo facessimo scopriremmo una serie di particolari interessanti che la rendono quantomeno piacevole. Ha un aspetto estremamente giovane (nonostante l’espressione un po’ triste del musetto, dovuta ai fari rotondi, nella prima serie incassati direttamente, senza cornici), ed un lungo tetto apribile (idea probabilmente mutuata dalla 2CV) che la rende una quasi-cabriolet. Per il resto, è piena di economie oggi difficilmente immaginabili: non ha coppe alle ruote, non ha levette di luci e frecce al piantone dello sterzo, non ha indicatori di direzione frontali, non ha panca imbottita dietro, il cruscotto ha un solo strumento circolare che ingloba tutto quel poco che c’è ed infine il cambio non è sincronizzato.
Oggi fa tenerezza pensare che milioni e milioni di famiglie si sono avvicinate alla modernità attraverso la 500, ci pare quasi incredibile che qualcuno ci abbia percorso centinaia di migliaia di chilometri, eppure senza di lei probabilmente la modernità nel nostro Paese sarebbe arrivata un po’ in ritardo.
“Il Quarto Stato”, di Giuseppe Pellizza da Volpedo, ritrae proprio quello che, cinquant’anni dopo, conquistati i diritti fondamentali del lavoratore, sarà il bacino d’utenza privilegiato della vetturetta FIAT.
Nel cammino dei due uomini e della donna (lì dipinta in segno d’uguaglianza) si riflette l’affermarsi dello strato sociale più basso della società, quel proletariato che diventa finalmente entità degna di rispetto e diritti, e che affida alla propria protesta, qui decorosa e composta, contemporaneamente i compiti di mostrare la propria esistenza e di rivendicare altro spazio.
Lo spazio è sia sociale che compositivo: tutto il quadro è riempito dalla massa di lavoratori in movimento, che avanza tranquilla e compatta, lasciando andare avanti tre personaggi che sono evidentemente i leader, fra cui spicca una donna, ritratta con le sembianze della moglie del pittore, che regge un bambino in un braccio e con l’altro fa segno di seguirla, disegnando una curva drappeggiata che trova il proprio contraltare nell’altra donna del quadro, all’estrema sinistra.
Lo stesso Pellizza ci suggerisce una chiave interpretativa, che vede i personaggi che avanzano come i portavoce del movimento, in marcia per perorare la propria causa presso il signore locale; che dunque è lo spettatore.
Curiosamente, infatti, siamo proprio noi che guardiamo ad incarnare il destinatario della protesta, ed allora l’intero quadro assume la dimensione della richiesta diretta fattaci dall’artista, che ci rende non più semplici osservatori esterni, ma diretti interessati.
I lavoratori di Pellizza da Volpedo vivono in un’epoca di grandi cambiamenti sociali, lottano attivamente per ottenere uno standard di vita e lavoro che ci sembra inconcepibile non avere oggi, fatto di concetti basilari ma niente affatto scontati per l’epoca, come il diritto allo sciopero, all’assistenza, a condizioni di lavoro più sostenibili.
Decenni dopo il fronte dei diritti “irrinunciabili” si sposta a comprendere quello che nel 1902 era ancora un lusso per ricchi eccentrici, un giocattolo meno funzionale della carrozza, ma la cui diffusione ubiquitaria dice molto sul cambiamento della qualità della vita negli anni.
La 500 deve molto al momento immortalato da Pellizza da Volpedo: certamente, senza la marcia dei lavoratori di questo quadro divisionista non ci sarebbe stato posto per lei nella società.

La FIAT 500, è stata prodotta in 5,231,518 esemplari dal 1957 al 1975, comprese innumerevoli versioni speciali di vari carrozzieri privati, più le evoluzioni Giardiniera e Multipla e le trasformate Abarth ed Autobianchi.
“Il Quarto Stato” è un olio su tela del 1902 di 293×545 cm ora conservato al Museo del ‘900, Milano.

Advertisements