Citroen SM, Joan Miró “People at Night Guided by the Phosphorescent Trails of Snails”

by Mrs Miura

image

image

The frontiers of man shifts daily.
Once captured the blue sky just above his head, the man realized that there was much more: miles and miles of unexplored celestial spheres. And the irresistible attraction to all that comes after has resulted in a multitude of attempts, successes, cultural fascinations that have profoundly influenced every field of human living.
After Flaminio Bertoni’s Traction Avant, Citroen has been creating for many years cars whose forms are inspired partly to surreal aquatic creatures and partly to interstellar spacecrafts, so if the DS is similar to a marine animal with two large round yellow eyes, the SM is a more polished meteorite coming from another galaxy.
The painting by Joan Miró, in parallel, show us, on a background coloured in indigo as a sky during the heure bleue, graphicly shaped characters interpenetrated into each other that float quietly in a night sky illuminated by a large central white moon.
The SM is a car is too slow for its class, unreliable car in which the great technical finesse conceals almost insurmountable problems, a strange hybrid between the French eccentricity and Maserati’s sportiness, which gives life to a Gran Turismo that hasn’t in performances its reason, rather reaches its maximum expression in driving comfort driving.
It could not be otherwise, because the SM is the daughter of the DS: it pushes to the extreme its stylistic research, but it also receives the technical finds that contributed to make it so exceptional.
Before World War Two were the Bugatti and all other manufacturers, French or not, the cars that made of the fast move from Paris to the Côte d’Azur their reason, and which could, as a charm, not declaring the maximum speed. These were the cars of the upper class, of the nobles, the cars of those who had three houses and some excellent horse.
Cars created as toys for a few, with a complex mechanics and superbly refined, objects that mocked the convenience, the latest creations of a universe that was going to implode.
The SM borns in 1970 with the aim of reviving the tradition of French grand routières, unleashes all his cards at the Geneva Motor Show in 1970, and manages to impress the press for its exceptional dynamic capacities: even maintaining the 200 km/h for several hours, the driver can avoid the fatigue of which classically suffer those who are not professionals of the steering wheel.
The hydropneumatic suspensions work well, filtering out the ruts and bumps, giving a flawless grip to the SM, which together with the precise and direct steering, although not of a sports car in the strict sense of the term, making it a friendly and docile car which, far from the sharp reactions of so many masterpieces of the automobile history, delights the driver’s with interiors that are a triumph of tanned leather in which stands out the single spoke steering wheel, yet another styling solution original and classically Citroen, and with a very smooth gait that altough presenting a little of the rolling typical of the Déesse, knows how to inspire confidence.
So, here is a perfect car, a futuristic and snob GranTurismo capable of devouring the highway (with its 220 km/h is the fastest front-wheel drive on the market) as if it were on rails, well cared in aesthetics, technology and in dressing, and finally falls in the French law which taxes less the cars with less than 16 HP.
But soon the ground crumbles under the tires of SM: the unreliability of the former V8 Maserati transformed into a V6 becomes legendary, the same network Citroen doesn’t really know what has to do with, in France are introduced the first speed limits, economic crisis hits hard luxury cars (and the SM is not fuel efficient), and in America, after four years, is sentenced that the bumpers are too low.
It therefore remains a beautiful car with a range of colors coming straight from 2001-A Space Odyssey, a streamlined design that suggests elegant movement, a beautiful imperfect monument born at the wrong moment, an unfortunate and extremely innovative product destined to remain as a milestone in the history of “touristic” cars, not only French.
As the SM comes a moment before the storm, so “People at night guided by the phosphorescent trails of snails,” which is part of the series “Constellation” together with 21 other works by Miró, is conceived on the eve of one of darkest periods of humanity, which approaching the artist felt perfectly.
And then the work becomes an attempt to overcome a state of deep anguish, an effort that also just the artistic expression knows how crown, through the representation of a world that is above the Man and his misery, a world shining with eternal and infinite, of galaxies and strange creatures floating in a timeless and endless space, in which the meaning is given to the weaving of geometric symbols and astronomical biomorphic forms that come close to the last Kandinsky.
The Constellations are an escape of the artist to a higher level but also an offer to the heavenly world, who asks in return the showing of the religious essence and of the magical meaning of things.
The expressive structure of the Constellations comes paradoxically from the difficulty of finding a way of relationship between the artwork and the individual, and that for Miró is resolved only when the viewer pours out its living on the painting and integrates it with its own experience.
And then the characters of “People at Night” may represent the figures that populate the fictional dream of everyone of us and at the same time a gentle and relaxing world to escape the horrors of war, in paintings in which the harmony of composition and a simple, even childish, structure of correspondences sometimes specular between the forms refer to the peace of the childish age.
Both the Citroen SM and Miró’s paintings are two examples of works of art born in a very adverse time, each with a personal aesthetic very ahead of its time.

The Citroen SM was produced in 12,920 units from 1970 to 1975.
“People at Night Guided by the Phosphorescent Trails of Snails”, 37.9×45.7 cm, 1940, watercolor and gouache, now at the Philadelphia Museum of Art

***

Le frontiere dell’uomo si spostano continuamente.
Una volta conquistato il cielo azzurro immediatamente sopra la propria testa, l’uomo si è reso conto che c’era molto altro: chilometri e chilometri di sfere celesti inesplorate. E l’attrazione irresistibile verso tutto ciò che c’è dopo si è concretizzata in una miriade di tentativi, di successi, di fascinazioni culturali che hanno influenzato profondamente ogni campo del vivere umano.
Dopo la Traction Avant di Flaminio Bertoni, Citroen ha continuato per molti anni a creare automobili le cui forme sono ispirate parte a surreali creature acquatiche e parte ad astronavi da viaggio interstellare; così se la DS è simile ad un animale marino con due grandi occhi gialli e rotondi, la SM è più un levigato meteorite caduto da un’altra galassia.
Il quadro di Joan Miro’, parallelamente, ci mostra su uno sfondo indaco come un cielo da heure bleue personaggi dalle forme grafiche compenetrate l’una nell’altra che fluttuano quieti in un cielo stellato illuminato da una grande luna bianca centrale.
La SM è un’auto troppo lenta per la propria categoria, inaffidabile, un’auto nella quale la grande finezza tecnica cela problemi quasi insormontabili, uno strano ibrido fra l’eccentricità francese e la sportività Maserati, che dà vita ad una granturismo che non fa delle prestazioni la propria ragione, piuttosto raggiunge la propria massima espressione nel comfort di guida.
Non potrebbe essere altrimenti, perché la SM è figlia della DS: ne spinge all’estremo la ricerca stilistica, ma ne riceve anche le trovate tecniche che contribuivano a renderla così eccezionale.
Prima della Seconda Guerra Mondiale c’erano le Bugatti e tutti gli altri costruttori, francesi o no, di automobili che facevano dello spostamento veloce da Parigi alla Costa Azzurra la propria ragione di vita, e di cui si poteva, come vezzo, non dichiarare la velocità massima. Erano le auto dell’alta borghesia, dei nobili, auto di chi aveva tre ville e qualche ottimo cavallo.
Erano automobili create come giocattoli per pochi, dalla meccanica complessa e superbamente raffinata, oggetti che si facevano beffe della praticità, creazioni ultime di un universo che stava per implodere.
La SM nasce nel 1970 con lo scopo di far rinascere la tradizione francese delle grand routières, sfodera tutte le sue carte al Salone di Ginevra del 1970, e riesce ad impressionare la stampa per le eccezionali capacità dinamiche: perfino mantenendo i 200 km/h per diverse ore il guidatore riesce ad evitare l’affaticamento di cui classicamente soffre chi non è un professionista del volante.
Le sospensioni idropneumatiche fanno bene il loro lavoro, filtrando ogni asperità del terreno e conferendo alla SM una impeccabile tenuta, che unita allo sterzo preciso e diretto, sebbene non da auto sportiva nel senso stretto del termine, la rendono un’auto amichevole e docile da guidare, che, ben lontana dalle reazioni brusche di tanti capolavori dell’automobile, delizia il guidatore con degli interni che sono un trionfo di pelle conciata in cui spicca il volante monorazza, ennesima soluzione stilistica originale e classicamente Citroen, e con un incedere sul velluto che pur presentando un po’ del rollio tipico della Déesse, sa ispirare fiducia.
E dunque, ecco un’auto perfetta: una granturismo futuristica e snob capace di divorare l’autostrada (coi suoi 220 km/h è la trazione anteriore più veloce sul mercato) come se fosse sui binari, estremamente curata nell’estetica, nella tecnica e nell’allestimento, e che infine rientra nella normativa francese che tassa meno le vetture con meno di 16 CV fiscali.
Ma presto il terreno si sgretola sotto gli pneumatici della SM: l’inaffidabilità dell’ex V8 Maserati trasformato in V6 diviene leggendaria, la stessa rete Citroen non sa bene con cosa ha a che fare, in Francia vengono introdotti i primi limiti di velocità, la crisi economica colpisce duramente le auto di lusso (e la SM non è parca nei consumi), e in America dopo quattro anni si sentenzia che i paraurti sono troppo bassi.
Resta quindi una bellissima auto con una gamma di colori da 2001-Odissea nello Spazio, un design aereodinamico che suggerisce un movimento elegante, un bel monumento imperfetto nato al momento sbagliato, uno sfortunato prodotto estremamente innovativo e destinato a restare una pietra miliare nella storia delle auto da “turismo” non solo francesi.
Come la SM nasce un istante prima dell’inizio della bufera, così “People at night guided by the phosphorescent trails of snails”, che fa parte della serie “Costellazioni” insieme ad altre 21 opere di Mirò, viene concepita alla vigilia di uno dei periodi più bui dell’umanità, il cui approssimarsi l’artista sentiva perfettamente.
E allora l’opera diventa un tentativo di superamento di uno stato di angoscia profonda, uno sforzo che peraltro solo l’espressione artistica sa coronare, attraverso la rappresentazione di un mondo che è al di sopra dell’Uomo e delle sue miserie, un mondo luccicante di eterno e d’infinito, di galassie e strani esseri fluttuanti in uno spazio senza tempo e senza fine, in cui il significato è affidato all’intrecciarsi di simboli geometrici ed astronomici con forme biomorfe che si avvicinano all’ultimo Kandinskij.
Le Costellazioni sono una via di fuga dell’artista verso un livello superiore ma anche un’offerta al mondo celeste, che chiede in cambio il mostrarsi dell’essenza religiosa e del senso magico delle cose.
La struttura espressiva delle Costellazioni nasce paradossalmente dalla difficoltà di trovare una modalità di rapporto fra l’opera d’arte ed il singolo, e che per Mirò si risolve soltanto quando lo spettatore riversa il proprio vissuto sul quadro e lo integra con la propria esperienza.
Ed allora i personaggi di “People at night” possono rappresentare le figure che popolano l’immaginario onirico di ognuno di noi e contemporaneamente un mondo dolce e rilassante in cui rifugiarsi per sfuggire agli orrori della guerra, in quadri nei quali l’armonia compositiva ed una semplice, addirittura infantile, struttura di corrispondenze a volte speculari fra le forme rimanda alla pace dell’età fanciullesca.
Sia la Citroen SM sia i quadri di Mirò sono due esempi di opere d’arte nate in un momento assolutamente sfavorevole, dotate entrambe di un’estetica personalissima e decisamente avanti sui tempi.

La Citroen SM è stata prodotta in 12.920 esemplari dal 1970 al 1975.
Il quadro “People at Night Guided by the Phosphorescent Trails of Snails” è un quadro di 37.9×45.7 cm realizzato nel 1940 ad acquerello e tempera ed ora conservato al Philadelphia Museum of Art.

Advertisements