Lancia Aurelia B24 Spider America, Michelangelo Buonarroti “la Notte”

by Mrs Miura

image

image

She isn’t the roaring star of “The Easy Life” by Dino Risi.
The dissolute heroine of the film metaphor of a society at the crossroads is instead a B24 Convertible, the next series, that sacrifices upon the altar of greater comfort the spectacular purity of line.
But she still remains the emblem the Italian post-war economic boom.
She, with her “superpanoramic” windscreen, with no door handles and a sculpted and muscular line similar to a cat ready to jump.
And what more natural counterpart than Michelangelo, with the sculpture “Night”, a dreamy and masculine hybrid together man and woman? Michelangelo, with its statues in which every sinew, every muscle, every relief tightens the thin skin leaving clearly perceiving the framework and the anatomical structure, structure together male and female, incarnation of the ideal of beauty of the sculptor who molds from the raw material the representation of its own desires.
And equally virile and maternal is the B24, swollen of soft curves, under which we however perceive a construction full of nervous force withheld, emphasized by the soft impulse of the long hood straight forward ending in a sulky girl’s face however not lacking in classic seriousness, highlighted by the beautiful name, Aurelia.
The B24 is a deeply rigorous neoclassical architecture, a car that makes of the cleanliness of the lines and the bare and gaunt beauty its own vocation.
The first series is equipped with a front V6 engine of 2451 cubic centimeters, which delivers 118 CV and can push it to 185 km/h, but more than a fast car the B24 is basically an uncomfortable car: she has no door locks nor door handles, the mounting of the soft top (that provides nearly no protection at all) and of the side windows is extremely uncomfortable, the seats have no reinforcements, and the windscreen does not protect at all the driver from the wind.
But the B24 is not created to accompany to the work or to the shops.
The B24 is created to let oneself go , is the tempter snake who drives the young Roberto to follow the braggart Bruno, shouting “hurray” as it accelerates angrily trumpeting behind the Fiat that doesn’t give them road, unaware of going to death, just as soon as he decides to reappropriate of its twenties, leaving aside the reasonableness.
She has the grace of the classical ballet dancer, a bundle of nerves in which every muscle is trained to the perfection of movement through a very hard workout, and at the same the iron temper of the boxer whose body well knows pain, exercise and victory.
And so here are explained the wheelarches molded protruding that yet preserve the deep elegance that a true Lancia must have, here is the impetus of the front hood that becomes a taut line ready to swallow the road, that’s why the elimination of every frill, every embellishment, every uselessness that could obscure the pure form, the spectacle of the twitching of the muscles under the thin veil of skin.
The second series, which follows one year and half the first, presented in 1954, is a more earthly car: she gives up the extreme push of her statuary body to descend among the mortals, with a more protective and less wraparound windscreen, descendant glasses, a more conventional bumper made of a single blade, less accentuated “muscles”, a more resistant hood and even door handles that interrupt the smooth cleaning of the side.
It’s a car, in short, with which you can leave for a weekend.
Even a practical hard-top is proposed (to tell the truth, a very beautiful one).
Continuous adjustments will follow, which however will increasingly turn away the B24 from the bare initial design of the Coachmaker Farina, until the definitive exit, in 1958, after 761 examples produced.
“The Night” by Michelangelo is one of the two pairs of statues, “Night and Day” and “Dawn and Dusk” opposing frontally in the New Sacristy of San Lorenzo in Florence, belonging respectively to the tomb of Giuliano de’ Medici and to that of Lorenzo de’ Medici.
When Michelangelo sculpts the statues that will adorn the two tombs mainly intends to make an allegory of Time, and therefore chooses to represent the personifications of natural events that govern the eternal cycle of the alternation of light and dark, for then transforming them with its classical style that alternates points of formal and proportional perfection to moments of focus on the vital energy of the subject, represented in torsion and even with the technique of the unfinished (it’s the case of the Day), which underlines the impossibility of the representation of the Absolute, that is then the ultimate purpose which Michelangelo tends.
Dusk and Day are two male figures, Dawn and Night are interpreted as two female figures, but if there is no doubt on the Dawn, the Night is the personification of sexual ambiguity.
She has a firm muscular body, with strong thighs and well developed arms, but also gently shaped clavicles, a face with delicate features (although not clearly feminine) and two unmistakable breasts.
The statue has the sweet expression of the abandonment to the sleep: the eyes are closed and the head won by fatigue is leaning against the hand that holds it, but the rest of the body is screwed in a twist that has nothing of the tranquility of the rest.
It’s accompanied by an owl, nocturnal animal for excellence, a bunch of poppies, somniferous flowers, a tiara with a moon and a star that clearly identifies her, and a mask, attribute of the dream, or emblem of death, sleep of the body waiting for Christian resurrection.
But Michelangelo not only gave us a beautiful statue tortured by a restless sleep, but also sought to represent its ideal of Beauty, a being who ambiguously glides between the two sexes, with an undeniably masculine body and two breasts (perhaps a little false-looking) almost perfectly spherical and unreal. It was not for this last detail, it would be called a guy with feminine features and curls similar to a Greek statue.
The white and smooth surface of the marble transmits a moonlight glow, emphasizing the unattainable and unearthly aspect of the ideal of beauty of the great sculptor.
As a new demiurge, the great sculptor leaves us the tangible representation of his obsession, real and present as a living being, an unreal creature suspended halfway between sleep and torment, between male and female sex, between the voluptuousness of a woman and the dry tension of a man.
Exactly as the Aurelia which can embrace the driver with the forms of a beautiful woman and devour the road with inexhaustible manly verve.

In 1959 the sculptor Umberto Mastroianni (uncle of the actor) ordered to Farina Coachwork a custom-built specimen of B24 S, which incorporated the hard-top by welding it to the body, added two additional air intakes on the sides of the Lancia shield, along with fog lamps, and mounted the split front bumper of the Spider.

***

Non è lei la rombante protagonista de “Il sorpasso” di Dino Risi.
La scapestrata protagonista del film metafora di una società al bivio è invece una B24 Convertibile, la serie successiva, che sacrifica sull’altare di una maggiore comodità la spettacolare purezza della linea.
Ma resta comunque lei l’emblema del miracolo economico del nostro dopoguerra.
Lei, col suo parabrezza “superpanoramico”, con le porte prive di maniglie e la linea scultorea e muscolosa come un gatto pronto a balzare.
E quale contraltare più naturale di Michelangelo, con la scultura “la Notte”, ibrido uomo-donna sognante e mascolino? Michelangelo con le sue statue in cui ogni tendine, ogni muscolo, ogni rilievo tende la pelle sottilissima lasciando chiaramente percepire l’ossatura e la struttura anatomica, struttura insieme maschile e femminile, incarnazione dell’ideale di bellezza dello scultore che plasma dalla grezza materia la rappresentazione dei propri desideri.
Ed altrettanto virile e materna è la B24, gonfia di morbide curve sotto le quali però si percepisce una costruzione nervosa piena di forza trattenuta, enfatizzata dallo slancio soffice del lungo cofano teso in avanti che termina in un muso imbronciato da ragazza tuttavia non privo di serietà classica, sottolineato dallo splendido nome, Aurelia.
La B24 è un’architettura dal profondo rigore neoclassico, un’auto che fa della pulizia delle linee e della bellezza spoglia e scarna la propria vocazione.
La prima serie è equipaggiata con un motore anteriore di 6 cilindri a V da 2451 cm cubici che eroga 118 CV e riesce a spingerla a 185 km/h, ma più che un’auto veloce è essenzialmente un’auto scomoda: non ha serrature né maniglie d’apertura, il montaggio della capote (che non offre pressoché alcuna protezione) e dei cristalli laterali è scomodissimo, i sedili sono privi di rinforzi, e lo stesso parabrezza non protegge affatto il guidatore dal vento.
Ma la B24 non è nata per accompagnare al lavoro né in giro per negozi.
La B24 è nata per lasciarsi andare, è il serpente tentatore che spinge il giovane Roberto a seguire il fanfarone Bruno, a gridare “urrà” mentre accelera strombazzando irata dietro alla Fiat che non le cede strada, inconsapevole di andare incontro alla morte, proprio appena aveva deciso di riappropriarsi dei vent’anni lasciando da parte la ragionevolezza.
Ha la grazia della ballerina di danza classica, un fascio di nervi in cui ogni muscolo è educato alla perfezione del movimento attraverso un durissimo allenamento, e contemporaneamente la tempra ferrea del boxeur il cui corpo ben conosce dolore, esercizio e vittoria.
Ed ecco quindi spiegati i passaruota modellati in sporgenza che pure conservano la profonda eleganza che una vera Lancia deve avere, ecco lo slancio del cofano anteriore che diventa una linea tesa pronta ad inghiottire la strada, ecco perché l’eliminazione di ogni orpello, ogni abbellimento, ogni inutilità che offuschi il parlare della pura forma, lo spettacolo del guizzare dei muscoli sotto il velo sottile della pelle.
La seconda serie, che segue di un anno e mezzo la prima, presentata ufficialmente nel 1954, è un’auto più terrena: rinuncia alla spinta estrema del proprio fisico statuario per scendere fra i mortali, con un parabrezza più protettivo e meno avvolgente, finestrini discendenti, paraurti a lama singola più convenzionali, “muscoli” meno accentuati, una capote più resistente e perfino maniglie delle portiere che interrompono la liscia pulizia della fiancata. E’ un’auto, insomma, con cui si può partire per un finesettimana.
Addirittura viene proposto un pratico hard-top (in verità, bellissimo).
Seguiranno continui aggiustamenti che però allontaneranno sempre più la B24 dallo spoglio design iniziale della carrozzeria Farina, fino all’uscita di scena definitiva, nel 1958, dopo 761 esemplari prodotti.
“La Notte” di Michelangelo fa parte delle due coppie di statue, “la Notte e il Giorno” e “l’Aurora e il Crepuscolo” contrapposte frontalmente nella Sagrestia Nuova di San Lorenzo a Firenze, appartenenti rispettivamente alla tomba di Giuliano de’ Medici ed a quella di Lorenzo de’ Medici.
Quando Michelangelo scolpisce le statue che andranno ad adornare i due monumenti funebri intende soprattutto fare un’allegoria del Tempo, e sceglie quindi di rappresentare le personificazioni degli eventi naturali che governano il ciclo perenne dell’alternarsi di luce ed oscurità, per poi trasfigurarle col suo classico stile che alterna punte di perfezione formale e proporzionale a momenti di focalizzazione sull’energia vitale del soggetto, rappresentato in torsione e addirittura con la tecnica del non finito (è il caso del Giorno), che sottolinea l’impossibilità della rappresentazione dell’Assoluto, che è poi lo scopo ultimo cui tende Michelangelo.
Il Crepuscolo ed il Giorno sono due figure maschili, l’Aurora e la Notte vengono interpretate come due figure femminili, ma se per l’Aurora non sussistono dubbi, la Notte è la personificazione dell’ambiguità sessuale.
Ha un corpo muscoloso e saldo, con cosce forti e braccia ben sviluppate, ma anche clavicole dolcemente modellate, un viso dai tratti delicati (sebbene non smaccatamente femminili) e due seni inconfondibili.
La statua ha la dolce espressione dell’abbandono al sonno: gli occhi chiusi ed il capo vinto dalla stanchezza appoggiato contro la mano che lo sorregge; eppure il resto del corpo è avvitato in una torsione che nulla ha della tranquillità del riposo.
E’ accompagnata da una civetta, animale notturno per eccellenza, un fascio di papaveri, fiore sonnifero, un diadema con una luna ed una stella che la identificano chiaramente, e da una maschera, attributo del sogno, o emblema della morte, sonno del corpo in attesa di resurrezione Cristiana.
Eppure Michelangelo non ci ha consegnato soltanto una bella statua tormentata da un sonno non calmo, ma ha inteso rappresentare anche il proprio ideale di Bellezza, un essere che scivola ambiguo fra i due sessi, dotato d’un corpo innegabilmente maschile e da due seni (forse un po’ posticci) quasi perfettamente sferici ed irreali. Non fosse per quest’ultimo particolare, lo si direbbe un ragazzo dai tratti effeminati con riccioli da statua greca.
La superficie liscissima del marmo trasmette un bagliore candido da chiaro di luna, enfatizzando l’aspetto irraggiungibile ed ultraterreno dell’ideale di bellezza del grande scultore.
Come un novello demiurgo, il grande scultore ci lascia la tangibile raffigurazione della propria ossessione, reale e presente come un essere animato, una creatura irreale sospesa a metà fra sonno e tormento, fra sesso maschile e femminile, fra voluttà di donna e secca tensione d’uomo.
Esattamente come l’Aurelia che sa accogliere il pilota con le forme d’una donna bellissima e divorare la strada con inesauribile verve virile.

Nel 1959 lo scultore Umberto Mastroianni (zio dell’attore) ordinò alla Carrozzeria Farina un esemplare fuoriserie di B24 S, che integrava l’hard-top saldandolo alla carrozzeria, aggiungeva due prese d’aria supplementari ai lati dello scudo Lancia, insieme ai fendinebbia, e montava il paraurti anteriore diviso della Spider.

Advertisements